AIUTA SCRIVOQUANDOVOGLIO Fare blog costa basta un caffé

"Ogni giorno lavoriamo per rendere il Blog più interessante e libero, con i mezzi ... Fare blog costa basta un caffé" />

giovedì 23 febbraio 2017

IL LEICESTER ESONERA CLAUDIO RANIERI E L'ITALIANO MEDIO NON L'ACCETTERA' MAI (23/02/2017)

Di Giampaolo Carboni.


Il re è nudo e il re non lo sa:il Leicester ha esonerato Claudio Ranieri (era ora lasciatecelo dire) ed in Italia patria di Zamparini, Cellino, Spinelli ed altri illustri mangiallenatori professionisti è iniziata la nuova disciplina sportiva della levata di scudi a difesa del romano con le motivazioni del "ha fatto un risultato storico" o "al Leicester si son montati la testa" come se non stessimo parlando di calcio professionistico un qualcosa che esula da qualsiasi sentimentalismo e la cosa dovrebbe essere nota a tutti addetti ai lavori in primis dato che la media dei giornalisti sportivi italici riversa queste frasi da bar per riempire i loro stolti editoriali e le pagine dei sempre meno venduti quotidiani sportivi per i quali (ancora non si sa per quanto) scrivono. Dicevamo quei cattivoni del Leicester oggi hanno esonerato l'italiano:ma come mai son giunti a questa conclusione? I numeri nascondono sempre un fondo di verità ancora di più nello sport ed ancora di più in una società inglese dove l'allenatore è un manager si occupa in toto del mercato della sua società e Ranieri (NELLA FOTO IN ALTO) quest'estate ed anche nella recente sessione invernale è stato semplicemente fallimentare. Vi ricordo chi è arrivato quest'anno in estate (nessuno ha lasciato la minima traccia in campo):Zieler, Hernandez, Uche, Mendy, Zuma, Kapustka, Slimani, Watts e Debayo oltre all'innesto in gennaio di Ndidi dal Genk per una spesa totale di settantasei milioni e mezzo di sterline. Son usciti Kramaric, Percival, Kanté, Moore, De Laet ed Inler in estate mentre più recentemente hanno lasciato le Foxes Schlupp e lo stesso Hernandez meteora estiva per un incasso di quarantaquattro milioni di sterline. Dunque il saldo è negativo per trentadue milioni di sterline analizziamo i numeri da agosto sino ad oggi dei campioni d'Inghilterra in carica:in venticinque gare di Premier cinque vittorie sei pareggi quattordici sconfitte ventiquattro gol fatti e quarantatré subiti diciassettesimo posto in classifica ad un punto dalla Championship (ma no mica si deve esonerare Ranieri sta solo giocando col fuoco verso la Serie B:sareste contenti se le squadre per cui fate il tifo facessero una fine del genere?) Vabbé uno dice alla fine in campionato salverà il pelo nelle due coppe nazionali sarà andata meglio:il 20 settembre dello scorso anno la Efl Cup era già un ricordo dopo la sconfitta in casa per quattro a due dopo i tempi supplementari contro il Chelsea di Antonio Conte (e questa francamente ci può stare). Vabbé uno dirà è più importante la Fa Cup in Inghilterra lo sanno tutti:inizio brillante due a uno in casa dell'Everton poi i primi scricchiolii a cominciare dal replay con il Derby County vinto tre ad uno al replay e dopo i tutti supplementari. Poi lo scivolone di cinque giorni fa in casa del Millwall settimo in League One (l'equivalente della Lega Pro italiana per chi non lo sapesse) e la conseguente eliminazione.
In Champions ottimo girone con primo posto nel girone praticamente mai in discussione ed ottavo di ieri in gioco dal punto di vista del punteggio (il due a uno di Siviglia è ottimo come risultato e si può ribaltare anche se io vedo gli spagnoli favoriti) ma chi ha visto l'incontro non può negare se è onesto intellettualmente che la squadra inglese non ha perso più largamente sia per un pizzico di fortuna (che nel calcio non fa mai schifo anzi a volte ti porta anche a vincere una Premier con il peggior gioco da quando la stessa esiste vedi Leicester 2015/2016 palla lunga e pedalare e Vardy e Mahrez che azzeccano l'annata visti i flop attuali) sia per gli errori di mira degli spagnoli di Sampaoli. Dunque analizzando mercato e numeri in ogni singola competizione mi dite cosa doveva succedere ancora per esonerare Ranieri cari ipocriti italiani?
Un post condiviso da Scrivoquandovoglio (@scrivoquandovoglio) in data:

© Riproduzione riservata.

Nessun commento:

Posta un commento