AIUTA SCRIVOQUANDOVOGLIO Fare blog costa basta un caffé

"Ogni giorno lavoriamo per rendere il Blog più interessante e libero, con i mezzi ... Fare blog costa basta un caffé" />

venerdì 14 luglio 2017

CAGLIARI:LUI PICCHIA LEI LA CREDE MORTA E SI SUICIDA (14/07/2017)

Di Giampaolo Carboni.


Un ragazzo di venticinque anni di Cagliari Riccardo Madau, si è tolto la vita lanciandosi dal cavalcavia che dallo stadio Sant'Elia porta in via Schiavazzi. Nei parcheggi, ferita in modo grave, è stata ritrovata la fidanzata, Manuela Picci, ventisei anni di Assemini, ora ricoverata in gravi condizioni al Brotzu, in Rianimazione (NELLA FOTO IN ALTO,TRATTA DA FACEBOOK,I DUE IN UN MOMENTO DI FELICITA'). Misterioso e tragico episodio poco prima delle quattro del mattino, a Cagliari, su cui stanno cercando di far luce gli agenti delle volanti e gli investigatori della squadra mobile del capoluogo sardo. Si potrebbe trattare di tentato omicidio e suicidio. Il giovane, secondo una prima ricostruzione, dopo una lite scaturita probabilmente per gelosia avrebbe picchiato la ragazza, colpendola al volto nel parcheggio dello stadio Sant'Elia. Forse credendola morta, avrebbe raggiunto il vicino cavalcavia lanciandosi nel vuoto. Lui è stato trovato senza vita e il corpo è a disposizione dell'autorità giudiziaria. La giovane è stata soccorsa dal 118 e accompagnata all'Ospedale Brotzu:la ragazza è in coma e i medici mantengono la prognosi riservata. La polizia sta cercando di far chiarezza sui motivi della tragedia ascoltando parenti e amici dei ragazzi. I due erano fidanzati da molti anni e vivevano insieme ai genitori di lei ad Assemini. Una coppia affiatata che a parte qualche lite sporadica non aveva mai dato a pensare ad un finale di questo tragico di tipo anche a detta di chi li conosceva bene come gli amici dei due. Lui lavorava in un bar di Cagliari (il NoveQuattro), lei in una trattoria-ristorante alla Marina.

© Riproduzione riservata.