AIUTA SCRIVOQUANDOVOGLIO Fare blog costa basta un caffé

"Ogni giorno lavoriamo per rendere il Blog più interessante e libero, con i mezzi ... Fare blog costa basta un caffé" />

domenica 9 aprile 2017

MOTOMONDIALE G.P ARGENTINA:LE GARE (09/04/2017)

Di Giampaolo Carboni.

MOTOGP

Maverick Vinales raddoppia e conferma di essere il più forte di tutti. Ma che Valentino Rossi bisogna dirlo. Dopo una notte trascorsa in officina con i suoi meccanici, il pesarese scende in pista con una moto finalmente competitiva e conquista un secondo posto che vale oro: con il podio numero duecentoventitré di una carriera infinita, a trentotto anni - e alla gara mondiale numero trecentocinquanta - il Doc è in questo momento l'avversario più pericoloso di Maverick nella corsa al mondiale. La coppia Yamaha domina anche perché la gara si è trasformata in una corsa ad CONTINUA A LEGGERE QUI

MOTO2

Seconda vittoria mondiale consecutiva per il nostro Franco Morbidelli, il ventitreenne romano allievo di Valentino al Ranch di Tavullia e ora saldamente in testa al campionato. Primo italiano nella storia a fare doppietta in questa categoria. Il pilota del team Marc Vds ha vinto meritatamente dopo aver dominato l'intero fine-settimana argentino, ma che emozioni nel finale dopo essere stato superato - a tre tornate dal termine - dal compagno di squadra Alex Marquez, fratello di Marc. Lo spagnolo sembrava avere qualcosa di più, invece sono venuti fuori tutto il talento e la grinta del "Morbido", che alla prima curva è tornato in testa e ha CONTINUA A LEGGERE QUI

MOTO3

Joan Mir ci ha preso gusto. Dopo il Qatar, conquista la vittoria anche qui in Argentina con una rimonta fantastica. Partito dalla sedicesima posizione, il pilota spagnolo ha impiegato più di metà gara ad andare in testa, per poi condurre fino al traguardo senza mai rischiare. Non sono solo i cinquanta punti in classifica, è soprattutto la crescita di Mir nelle ultime due stagioni a impressionare. Ma è solo la seconda gara, e i suoi compagni di podio, lo stesso identico del Qatar nelle persone e nelle posizioni, saranno avversari durissimi. John McPhee, dopo la pole, ha condotto una gara solida, Joan Martin ha girato forte offrendo carenate a chi si metteva CONTINUA A LEGGERE QUI

© Riproduzione riservata.

Nessun commento:

Posta un commento